Guida alle migliori strategie per opzioni binarie

Per costruire una strategia di investimento, occorre prima di tutto chiarire quanto tempo hai a disposizione per seguire le tendenze del mercato.

    Le strategie descritte in questo articolo sono state testate con il broker che attualmente offre le migliori prestazioni


Strategia di scalping

In particolare se puoi monitorare costantemente l’investimento, puoi permetterti di puntare su strategie di scalping. Impostando un’analisi grafica del trend del sottostante con un arco temporale di 15 minuti, è possibile individuare tempestivamente i segnali di rottura di un supporto o resistenze deboli, ed effettuare operazioni di acquisto e di vendite con scadenze molto ristrette a distanza di 15-30 minuti. In questo modo si arriva ad effettuare anche dalle 20 alle 25 operazioni al giorno

Strategia di posizionamento

Se invece non puoi dedicare un impegno continuo al controllo dell’investimento, puoi puntare su una strategia di posizionamento. In questo caso analizzando il trend del sottostante deciderai di acquistare un’opzione binaria con scadenza fine giornata (alle 20 o 22). Un controllo a metà giornata potrebbe essere utile a verificare l’andamento della gioraniero ed eventualmente inserire delle altre operazioni di segno opposto per recuperare errori di analisi. Il numero di operazioni in questo caso è limitato a 1 massimo 3 al giorno. Inoltre, grazie al diffondersi di piattaforme consultabili dallo smartphone, anche lontano dal proprio PC è possibile continuare a fare trading.

Tecnica consigliata

Qualunque sia la strategia prescelta, l’analisi grafica del trend può illuminare le tue mosse. In generale, una strategia consigliata potrebbe essere quella di acquistare un’opzione SOPRA quando le quotazioni si muovono su supporti importanti (come ad esempio in caso di trend giornalieri su grafici a candela); sarebbe opportuno invece comprare un’opzione SOTTO per un premio doppio quando il grafico mostra una rottura del supporto (e pertanto si intuisce il calo della quotazione). Diametralmente opposta è la strategia da seguire in caso di resistenze.

Oltre ai supporti e alle resistenze, vi sono altri elementi grafici che possono essere presi in considerazione per la scelta della propria strategia. Tali elementi illustrano statisticamente il comportamento della quotazione del sottostante prescelto. Nella maggior parte dei casi si fa ricorso alle medie mobili (la media delle quotazioni registrate in “n” giorni di osservazioni): tale calcolo è piuttosto semplice, ma presenta lo svantaggio di dare uguale peso alle quotazioni più remote rispetto a quelle recenti, e pertanto potrebbe non essere rappresentativo di inversioni di tendenze del trend.

Lo studio della bande di Bollinger potrebbe invece rappresentare uno strumento utile da consultare anche in caso di volatilità (questo grafico, infatti, rappresenta la media mobile depurata della devianza standard e moltiplicata per un coefficiente). Le bande di Bollinger offrono importanti indicatori al verificarsi di determinate circostanze:

  • se il grafico del prezzo esce dalla banda superiore e successivamente vi rientra, vuol dire che il prezzo del sottostante è aumentato e che vi sono in corso rallentamenti della quotazione o aggiustamenti verso il basso: quindi occorre comprare un’opzione Sotto;
  • se il grafico del prezzo esce dalla banda inferiore e successivamente vi rientra, potrebbe indicare che il prezzo è calato molto velocemente, fino ad arrestarsi e ad invertire il trend: in questo caso conviene comprare un’opzione Sopra

Se all’inizio questo genere di interpretazione grafica può sembrare complessa, con l’esperienza si acquisisce una certa capacità di lettura dei grafici, affinando la propria capacità di analisi.

    Affinchè la strategia utilizzata sia efficace al 100%, si consiglia di aprire un conto reale solo con un broker sicuro ed affidabile che consente di operare in mobilità anche via Smartphone o Tablet